SEZIONE: PUBBLICAZIONI

Il tema del sistema pensionistico pubblico obbligatorio – il cosiddetto “primo pilastro previdenziale” – è un tema complesso ed in continua evoluzione, ed è per questo che UNISIN ha cercato di costruire uno strumento snello e di facile consultazione per dare un concreto supporto ai propri dirigenti sindacali ed ai propri iscritti ed aiutarli a capire in che modo si strutturerà il proprio futuro, che appare spesso incerto ed avvolto in una nebbia legislativa di non facile comprensione. È questa l’esigenza a cui UNISIN aspira a rispondere con la propria nuova iniziativa editoriale: il Manuale “La Previdenza Pubblica in Italia”.…

Una delle modifiche maggiormente significative introdotte dal decreto legislativo n. 151 del 2015 (in particolare con l’art. 23 del decreto citato) ha riguardato l’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori. L’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori disciplina il c.d. controllo a distanza, ovvero quella tipologia di controllo esercitabile da remoto dal datore di lavoro, ricorrendo a specifici strumenti tecnologici, nei confronti del lavoratore. Il tema è sensibilissimo: l’idea di essere possibili destinatari di un controllo da parte di un operatore fisicamente posto in una posizione remota rispetto alla propria, nonché l’inconsapevolezza circa il momento esatto in cui tale controllo sarà esercitato,…

RIMEDI AL LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO ALLA LUCE DELL’EVOLUZIONE NORMATIVA E GIURISPRUDENZIALE (documento a cura dell’Ufficio Studi di Unisin) La materia dei licenziamenti e, in particolare, quella dei rimedi che il legislatore mette in campo per compensare lo squilibrio generato da un licenziamento illegittimo è ricca e, soprattutto, è stata oggetto di diversi interventi di natura legislativa e giurisprudenziale. Il tema appare di assoluta e attuale centralità, anche alla luce della rivendicazione, contenuta all’interno della piattaforma di rinnovo del CCNL di settore, della reintroduzione della reintegra in caso di licenziamento illegittimo. scarica il pdf

La Guida costituisce solamente un ausilio alla lettura di alcune novità introdotte in campo previdenziale con il D.L. 4/2019 , come modificato con la L. di conversione n° 26/2019, e -ovviamente non può essere in alcun modo ritenuta sostitutiva o interpretativa delle norme in materia. Per la redazione si è fatto riferimento, in particolare, alla seguente normativa: • Decreto Legge n° 4 del 28 gennaio 2019 (G.U. 29 gennaio 2019) • Legge n° 26 del 29 marzo 2019 (G.U. 29 marzo 2019) – Conversione D.L. 4/2019 • Circolare INPS n° 36 del 5 marzo 2019 • Decreto Legislativo n° 184…

In un mondo in rapida trasformazione, caratterizzato da un flusso ingente e continuo di informazioni, che purtroppo tendono spesso a limitarsi ad un’analisi superficiale delle cose, l’approfondimento costituisce sempre un’occasione irrinunciabile. La conoscenza è il presupposto fondamentale alla difesa dei diritti acquisiti nel tempo. Conoscere i propri diritti, diventarne pienamente consapevoli, conseguentemente goderne appieno, è alla base per la loro stessa tutela futura. Aspetto certamente ancor meno trascurabile, se consideriamo l’attuale fase di profondissima trasformazione del settore: la digitalizzazione di ogni processo e servizio non è più una prospettiva, bensì una realtà di massima attualità; il tema delle pressioni commerciali…

Si ricorda che con l’Accordo di rinnovo del CCNL del 31 marzo 2015 è stato concordato un incremento salariale medio (prendendo a riferimento un inquadramento di 3a Area Professionale, 4° livello retributivo) pari ad € 85,00 per 13 mensilità, sulla voce “stipendio”. Restano invariate le voci “scatti di anzianità” ed “ex ristrutturazione tabellare”.

Come noto, il D.Lgs. 151/2015 in attuazione del Jobs Act (Legge Delega n° 183/2014) ha modificato l’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori prevedendo, tra l’altro, che la procedura necessaria per l’installazione di strumenti da cui derivi la possibilità di controllare a distanza i lavoratori (accordo sindacale o, in subordine, autorizzazione dell’Ispettorato del Lavoro) “non si applica agli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa e agli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze”. In relazione all’uso di tali strumenti e delle informazioni raccolte mediante gli stessi, è necessario, secondo il novellato art. 4, L. 300/1970, “che sia…

Con la sentenza n. 22662 dell’8 novembre 2016 la Corte di Cassazione, Sezione lavoro, è tornata ad occuparsi del rapporto tra i “controlli difensivi” posti in essere dal datore di lavoro e la legittimità del licenziamento disciplinare. Il caso riguarda un furto commesso da una lavoratrice e scoperto mediante i filmati di un impianto di videosorveglianza installato senza un preventivo accordo sindacale o l’autorizzazione dell’Ispettorato del lavoro (come da previsione dell’art. 4, Legge 300/1970). Visualizza la circolare>>

Si ricorda che con l’Accordo di rinnovo del CCNL del 31 marzo 2015 è stato concordato un incremento salariale medio (prendendo a riferimento un inquadramento di 3a Area Professionale, 4° livello retributivo) pari ad € 85,00 per 13 mensilità, sulla voce “stipendio”. Restano invariate le voci “scatti di anzianità” ed “ex ristrutturazione tabellare”. Tale incremento medio verrà erogato in tre tranches rispettivamente di: – € 25,00 ad ottobre 2016; – € 30,00 ad ottobre 2017; – € 30,00 ad ottobre 2018; pertanto, dal prossimo 1° ottobre 2016 scatterà la prima delle suddette tranches, che verrà pagata con la busta paga…