SEZIONE: Ultime

Con il crescere dei contagi da Covid-19 il Governo si trova costretto ad introdurre  misure sempre più restrittive, ci sarà una sorta di coprifuoco notturno, dalle ore 22,  valido su tutto il territorio nazionale, la chiusura dei centri commerciali nel fine settimana e l’apertura delle scuole  in presenza fino alla terza media. Le scuole superiori faranno didattica a distanza. Il trasporto locale potrà circolare ma con la capienza ridotta del 50%.  Altre misure saranno  differenziate a livello territoriale,  in relazione alla situazione di rischio esistente nelle Regioni. il testo del dpcm 3 novembre 2020 allegati al dpcm 3 novembre 2020…

Stamane, dopo un confronto con le Regioni,   è stato reso noto il testo definitivo del DPCM del 24.10.2020, firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal Ministro della Salute Roberto Speranza. Sono sospese diverse attività come palestre, piscine, centri benessere, centri termali, sale giochi, cinema e teatri. Le attività dei servizi di ristorazione (tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5 fino alle 18.Non ci sono limitazioni agli spostamenti tra Regioni ma è fortemente raccomandato alle persone fisiche, a non spostarsi con mezzi pubblici o privati salvo che per esigenze di lavoro, di studio,…

Si può riportare un polo di lavoratori bancari a Macerata. La sua storia ed il suo territorio lo meritano», così Paolo Ciccarelli, segretario regionale del sindacato autonomo dei lavoratori bancari Unisin Ubi, che dopo l’acquisizione dell’istituto da parte di Intesa San Paolo e il prospettato passaggio di sportelli alla Bper, lancia un appello alla nuova dirigenza affinché il Maceratese torni ad avere una banca di riferimento e un polo d’eccellenza come era quello di Piediripa ai tempi di Banca Marche. La notizia integrale su cronachemaceratesi.it

Roma 8 giugno 2020 – Le banche dovrebbero “rivedere i propri modelli distributivi nell’ottica della prossimità e a tornare ad investire nell’economia reale”. Così Emilio Contrasto, segretario generale dell’Unisin, commenta all’Adnkronos i dati diffusi dalla Bce sulla chiusura degli sportelli bancari e il calo dell’occupazione nel settore del credito. Dati che, dice, “confermano quanto come sindacati denunciamo da tempo circa la progressiva e continua chiusura delle filiali bancarie nel nostro Paese”. “L’emergenza determinatasi con il lockdown dovuto alla pandemia Covid19 – spiega ancora il leader sindacale – ha intanto confermato come i servizi bancari e finanziari siano essenziali per il…

[14:12, 1/6/2020] Contrasto Emilio: Mps: Contrasto (Unisin), ‘pressioni commerciali gravissime e fuori da accordi su tema’   ‘non esiste legare operazioni con commissioni a quelle previste da decreto liquidità’ Roma, 1 giu. (Adnkronos) (Mat/Adnkronos) “Le strutture territoriali hanno fatto benissimo a sollevare il problema, perché il problema è gravissimo. Abbiamo un accordo di sistema per quanto riguarda le pressioni commerciali e sicuramente questo tipo di comportamento non è assolutamente in linea”. Così Emilio Contrasto, segretario generale di Unisin, commenta all’Adnkronos la denuncia dei sindacati bancari dell’area di Roma e provincia di pressioni commerciali in Mps al fine di collocare prodotti accessori…

Dalla tradizionale precarietà di origine “normativa” – determinata dall’introduzione di varie forme di rapporto di lavoro atipico e dall’indebolimento delle tutele quali il diritto al reintegro in caso di licenziamento illegittimo (con riforma dell’art. 18, contratto a tutele crescenti e Jobs Act), il controllo a distanza, il demansionamento – alle nuove forme di precarietà derivanti dal progresso tecnologico e dalla trasformazione digitale: di questo si discuterà al convegno “La precarietà nell’era della digitalizzazione” organizzato da UNISIN BNL e che si svolgerà il prossimo 23 gennaio a Riccione. “Tra rischio di esuberi e nascita di nuove figure professionali, discuteremo su quali…

Giovedì 31 ottobre 2013 SCIOPERO GENERALE DELLE AZIENDE DI CREDITO I lavoratori delle aziende di credito si asterranno dal lavoro per l’intera giornata del 31 ottobre, per protestare contro la disdetta unilaterale del CCNL decisa dall’ABI. Sono ormai troppi anni che si sta assistendo, anche nel nostro settore, ad una vera e propria “fuga dal diritto del lavoro” ed è giunto il momento che tutti gli oltre 300.000 dipendenti e tutte le Organizzazioni Sindacali del settore diano una risposta forte, convinta e compatta al continuo e inesorabile attacco al costo del lavoro ed ai diritti dei lavoratori e del quale,…

Nella giornata del 18.1.2012 è stata raggiunta un’intesa di massima con la produzione di un testo dell’Accordo. Tutte le Organizzazioni Sindacali hanno formulato proprie osservazioni. Permangono alcuni aspetti da chiarire e, quindi, la trattativa prosegue nella giornata odierna. Allo stato nessuna Organizzazione ha firmato alcunché.