SEZIONE: Il punto Su

L’Estratto Conto Certificativo (ECOCERT) è un documento attestante i contributi versati dal lavoratore (iscritto alla gestione INPS) nel corso della sua vita. L’ECOCERT, come segnala la sua stessa definizione, si differenzia dall’Estratto Conto Contributivo/Previdenziale per la sua funzione certificativa. Si può richiedere all’INPS accedendo alla procedura online o per mezzo di un intermediario abilitato. L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) è un indicatore che ha la funzione di valutare e confrontare la situazione economica della famiglia. E’ richiedibile in qualsiasi momento dell’anno, se serve per presentare una domanda di agevolazione La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è un documento – con…

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con Nota n. 2414 del 6 dicembre 2022, chiarisce il contenuto di alcuni diritti della famiglia con particolare riguardo alla paternità ed alle sanzioni previste per le aziende in caso d’inosservanza della normativa di riferimento. Ne riassumiamo alcune. Congedo di paternità obbligatorio. Il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio a tale diritto (10 giorni lavorativi e 20 in caso di parto plurimo con indennità pari al 100% della retribuzione) sono puniti con la sanzione amministrativa da euro 516 a euro 2.582. Congedo di paternità alternativo. Le nuove disposizioni in materia confermano le tutele e le garanzie concernenti…

FESTIVITA’ SOPPRESSE 2023 – CCNL 19/12/2019 Per l’anno 2023 le giornate di permesso retribuito – previste dall’art. 59 del CCNL 19/12/2019 – corrispondenti alle festività soppresse sono tre, due per il Comune di Roma e precisamente: –  Domenica 19 marzo – San Giuseppe –  Giovedì 18 maggio – Ascensione –  Giovedì 8 giugno – Corpus Domini –  Giovedì 29 giugno – SS. Pietro e Paolo (festivo per Roma) –  Sabato 4 novembre – Festa dell’Unità Nazionale I permessi ex festività sono riconosciuti solo nel caso in cui, nelle giornate suddette, il Lavoratore abbia diritto all’intero trattamento economico (il Lavoratore che…

In alcune circostanze sussiste un divieto di licenziamento che se non rispettato espone il datore di lavoro a una serie di spiacevoli conseguenze. Il licenziamento è l’atto attraverso il quale il datore di lavoro recede unilateralmente dal rapporto di lavoro in presenza di giusta causa o giustificato motivo oggettivo o soggettivo. Il licenziamento, in determinate situazioni è nullo perché si scontra con i vincoli imposti dal legislatore che, di conseguenza, annulla i poteri del datore di lavoro obbligandolo al reintegro del lavoratore nel posto di lavoro e al rimborso delle retribuzioni spettanti per il periodo intercorso. Il divieto di licenziamento…

A decorrere dal 1 dicembre 2022 scatterà l’ultimo aumento contrattuale previsto nel contratto collettivo nazionale di lavoro rinnovato il 19 dicembre 2019. Le lavoratrici ed i lavoratori,per tanto, troveranno nella busta paga di dicembre 2022 tale ultima tranche di aumenti. Di seguito tutte le tabelle economiche relative agli aumenti mensili a partire dal 1 gennaio 2020: scarica il pdf

La Corte Costituzionale con la sentenza n. 209 pubblicata il 13 ottobre 2022 (www.unisin.it) ha ristabilito il diritto all’esenzione per ciascuna abitazione principale delle persone coniugate o in unione civile. Per la Consulta “nel nostro ordinamento costituzionale non possono trovare cittadinanza misure fiscali strutturate in modo da penalizzare coloro che, così formalizzando il proprio rapporto, decidono di unirsi in matrimonio o di costituire una unione civile”. Con questa decisione la Corte Costituzionale ha, inoltre, esteso l’illegittimità anche ad altre norme, come quelle che limitano, per i componenti del nucleo familiare, l’esenzione ad uno solo degli immobili siti nel medesimo comune…

FLESSIBILITA’ DEL CONGEDO DI MATERNITA’ E ASTENSIONE DAL LAVORO DOPO L’EVENTO DEL PARTO:  LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA Con la circolare n.106 del 29/09/2022, l’INPS fornisce nuove indicazioni per la fruizione della flessibilità del congedo di maternità e per l’astensione del lavoro esclusivamente dopo l’evento del parto. Per potere fruire della flessibilità del congedo di maternità, le lavoratrici dipendenti devono acquisire, nel corso del settimo mese di gravidanza (prima dell’inizio dell’ottavo mese), le certificazioni sanitarie attestanti che la prosecuzione dell’attività lavorativa durante l’ottavo mese di gravidanza non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro. Tali certificazioni dovranno essere rilasciate da…

Con l’entrata in vigore del Decreto Legge n. 115 del 9 agosto 2022 (cd. Decreto Aiuti bis) il limite massimo di esenzione fiscale e contributiva per i fringe benefit, per l’anno 2022, passa da 258,23 a 600,00 euro. Ricordiamo che è considerato fringe benefit il valore di beni e servizi – di cui all’art. 51, comma 3, del TUIR – ceduti e/o erogati dal Datore di lavoro in favore del proprio Dipendente. Negli anni 2020 e 2021 il limite di esenzione fiscale e contributiva per i fringe benefit era stato fissato, in via sperimentale, a 516,46 euro annui. Per l’anno…

E’ ILLEGITTIMO IL LICENZIAMENTO DEL LAVORATORE QUANDO AVVIENE A SEGUITO DI ATTIVITA’ DI “SPIONAGGIO” DELL’INVESTIGATORE PRIVATO La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con l’Ordinanza n. 25287 pubblicata in data 24 agosto 2022 ha stabilito che è illegittimo il licenziamento del Lavoratore dipendente a seguito di attività investigativa, effettuata da personale esterno all’Azienda, quando il controllo riguarda la mera prestazione lavorativa. La fattispecie riguarda un licenziamento disciplinare, operato da una Banca nei confronti di un proprio dipendente la cui attività lavorativa era caratterizzata da flessibilità dell’orario di lavoro e di sede. Al Lavoratore era stato contestato – mediante l’utilizzo di registrazioni video…

Riteniamo utile ricordare ai Colleghi alcune previsioni, contenute nel CCNL del Credito, in materia di trasferimento della/del Lavoratrice/Lavoratore ad altra sede di lavoro ubicata in Comune diverso. Il trasferimento può essere disposto dall’Azienda per esigenze tecniche, organizzative e produttive e lo stesso deve essere comunicato al Dipendente con un preavviso nei termini di seguito indicati. PER LE AREE PROFESSIONALI IL TRASFERIMENTO E’ DISPOSTO CON UN PREAVVISO: – non inferiore a 15 giorni di calendario per distanze fino a 30 km; – non inferiore a 30 giorni di calendario per distanze superiori a 30 Km. L’Azienda ha facoltà, durante il periodo…