SEZIONE: Il punto Su

Via alle domande per ricevere un contributo fino a 800 euro mensili per un massimo di 12 mesi Il Bonus genitori separati in stato di bisogno è una misura diretta, a determinate condizioni, a chi non abbia ricevuto l’assegno di mantenimento durante la pandemia da Covid-19. Il contributo è destinato ai genitori in stato di bisogno (reddito annuo non superiore a 8.174 euro) che durante l’emergenza epidemiologica risultavano conviventi con figli minori o maggiorenni portatori di handicap grave e che, in tale periodo, non abbiano ricevuto l’assegno di mantenimento per inadempienza dell’altro genitore (ex coniuge o ex convivente). Si ha…

Anche in assenza di obblighi di legge, in ragione dei principi di correttezza e buona fede, il datore di lavoro deve comunicare al lavoratore l’imminente scadenza del periodo di comporto ed il suo diritto ad essere posto in aspettativa non retribuita. La vertenza è stata sollevata in occasione del licenziamento di un lavoratore, per scadenza del periodo di comporto dopo un lungo periodo di assenza dal lavoro per malattia (documentata sino alla data di cessazione del rapporto) per diabete mellito di tipo 2 in scarso compenso metabolico e esiti di amputazione del 1 raggio del piede destro. Il lavoratore ricorreva…

Il lavoratore dipendente che assiste un familiare disabile grave ai sensi della Legge 104/1992 (art.3, comma 3) ha diritto, a determinate condizioni a:- 3 giorni di permesso retribuito al mese fruibili anche a ore;- 2 anni di congedo straordinario retribuito, se convivente con l’assistito, fruibile anche a giornate. Nei casi in cui l’assistito ai sensi della Legge 104/92 è residente in un Comune che si trova a più di 150 km di distanza da quello di residenza del dipendente che lo assiste, è possibile fruire dei permessi 104 presentando la documentazione necessaria a dimostrare di aver realmente speso il giorno…

L’Autorità garante della protezione dei dati personali, con il provvedimento n. 290 del 6 luglio 2023, ha accertato l’illiceità del trattamento dei dati personali operato da un’Azienda, sanzionando la stessa. Il Garante Privacy ha trattato il caso relativo ad un reclamo presentato da un Dipendente – oggetto di contestazione disciplinare da parte della propria Azienda cui era seguito poi il licenziamento – al quale il proprio Datore di lavoro non ha consentito l’accesso ai propri dati personali, compresi anche quelli contenuti nella relazione dell’Agenzia investigativa incaricata di raccogliere dati e riferimenti su attività extra lavorative. Con riferimento alla predetta relazione…

FESTIVITA’ SOPPRESSE ANNO 2024 CCNL 23/11/2023 Per l’anno 2024 le giornate di permesso retribuito – previste dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro – corrispondenti alle festività soppresse sono quattro (il 29 giugno ricade infatti di sabato): – Martedì 19 marzo – San Giuseppe- Giovedì 9 maggio – Ascensione- Giovedì 30 maggio – Corpus Domini- Sabato 29 giugno – SS. Pietro e Paolo (festivo per Roma)- Lunedì 4 novembre – Festa dell’Unità Nazionale I permessi ex festività sono riconosciuti solo nel caso in cui, nelle giornate suddette, il lavoratore abbia diritto all’intero trattamento economico (il lavoratore che nella giornata di festività…

Uno degli emendamenti al testo di conversione del Decreto Anticipi prevede la proroga, per tre mesi (scadenza 31 marzo 2024), dello smart working a favore dei lavoratori fragili o con figli under 14. Restano esclusi i lavoratori della pubblica amministrazione e i super fragili. Il beneficio della proroga dello smart working per il genitore di figli under 14 è condizionato alla non esistenza, nel nucleo familiare, di un altro genitore lavoratore che benefici di strumenti di sostegno al reddito per cessazione o sospensione dell’attività lavorativa. Si considerano fragili i lavoratori maggiormente esposti al rischio di contagio da Covid a causa…

Lo stabilisce la Direttiva (UE) 2023/970 del parlamento Europeo e del Consiglio approvata il 10 maggio 2023. Lo scopo della Direttiva è quello di rafforzare l’applicazione del principio della parità di retribuzione tra uomini e donne per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore attraverso la trasparenza retributiva e i relativi meccanismi di applicazione. Per quanto riguarda uno stesso lavoro o un lavoro al quale è attribuito un valore uguale, non deve sussistere alcuna discriminazione diretta e indiretta basata sul sesso e concernente un qualunque aspetto o condizione delle retribuzioni. In particolare, qualora si utilizzi un sistema…

La Legge attribuisce al datore di lavoro la facoltà di stabilire il periodo di godimento delle ferie dei propri dipendenti, ma deve darne comunicazione al singolo lavoratore che ha il diritto di indicare il periodo entro il quale intende fruire le ferie del riposo annuale. Non è ammissibile che il datore di lavoro collochi in ferie il dipendente senza nemmeno dargliene comunicazione. La Corte di Cassazione sezione Lavoro con sentenza n. 24977, del 19 agosto 2022 ha infatti respinto il ricorso di una azienda che, sia in primo che in secondo grado, era stata condannata al risarcimento del monte ore…

Con l’Ordinanza n. 26997 emessa il 21 settembre 2023, la Corte di Cassazione si è  pronunciata sul caso di una Lavoratrice licenziata in quanto, vicino alla scadenza del periodo di comporto di malattia, aveva richiesto di poter fruire delle ferie e, successivamente, dell’aspettativa non retribuita prevista dal CCNL. Nel caso preso in esame dalla Suprema Corte, una Lavoratrice aveva richiesto al Tribunale di Fermo che il Datore di lavoro venisse condannato al risarcimento del danno biologico da mobbing con annullamento del licenziamento operato per superamento del periodo di comporto. Il Tribunale di Fermo ha accolto entrambe le richieste della ricorrente,…

Il D.L. 48/2023 (convertito, con modificazioni, dalla Legge 3 luglio 2023 n. 85) ha innalzato, per l’anno 2023, il limite d’esenzione per i fringe benefit a 3.000 euro a favore dei lavoratori con figli a carico. In assenza di figli a carico si applicano i benefici previsti dall’ordinario regime di tassazione. Si ricorda che sono ancora in corso, da parte del Governo valutazioni rispetto tale materia. Per approfondimenti sulla tematica si rinvia alle precedenti informative UNISIN (Il Punto su… nr. 17 del 25/09/2023 e 17 bis del 2/10/2023). La Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 44/E del 25 luglio 2023 chiarisce…