SEZIONE: Documenti

Mi riferisco alla missiva del 9 marzo u.s. con la quale mi è stata rappresentata la necessità di vaccinazione dei dipendenti delle imprese bancarie e finanziarie. Innanzitutto permettetemi di complimentarmi con Voi e sottofinearVi l’ eccellente lavoro svolto dalle predette professionalità che, in un momento così delicato per la nostra Nazione, hanno continuato a fornire un servizio a favore delle famigie, delle imprese e più in generale dell’ economia. Al riguardo, mi preme evidenziarVi che, proprio al fine di garantire un rapido ed univoco approccio alle diverse problematiche che interessano la popolazione e, nel contempo, imprimere una reale accelerazione alla…

Al Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Mario Draghi Al Ministro della Salute On.le Roberto Speranza Ill.mo Presidente, Illustre Ministro, rivolgiamo ancora una volta un vivo appello per rappresentarVi la necessità di inserire nelle categorie prioritarie per la vaccinazione i lavoratori dei trasporti, del Credito e delle Poste-comunicazioni, che sono chiamati quotidianamente a svolgere il proprio lavoro a diretto contatto con il pubblico. La mancata immunizzazione di questi lavoratori, costituisce un serio pericolo per la collettività e rappresenta una evidente falla nel piano vaccinale al quale chiediamo di porre sollecitamente rimedio. Sicuri di un favorevole riscontro porgiamo distinti saluti Le…

In vigore dal 9 novembre 2020, giorno di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il Decreto-Legge 149/2020 “Ristori bis” estende il congedo parentale COVID-19, insieme al bonus baby sitter da 1.000 euro, con riguardo alle nuove zone rosse di cui al D.P.C.M. 03/11/2020, come lo è oggi la Lombardia. Vi sono importanti novità che integrano precedenti previsioni sulla medesima falsariga fra cui il “Decreto Ristori” del 29/10/2020. CONGEDO PARENTALE COVID-19 Già il “Decreto Agosto” convertito nella Legge 126/2020 prevedeva la possibilità fino al 31/12/2020 di fruire, per i lavoratori dipendenti, in alternativa allo smart working, del congedo parentale con causale Covid-19, indennizzato…

Per ora in tre Regioni: Lombardia, Lazio e Campania sono vietati gli spostamenti durante le ore notturne dalle 23 alle 5 (in Lazio dalle 24).  Sarà necessario motivare lo spostamento solo per ragioni di comprovata necessità e urgenza. Al riguardo è previsto un modulo di autocertificazione che dovrà essere consegnato alle forze dell’ordine su loro richiesta.  In Lombardia e in Campania la chiusura notturna sarà valida sino al 13 novembre 2020,  mentre in Lazio resta in vigore sino al 23 novembre 2020, salvo eventuali proroghe. La violazione alle ordinanze emanate nelle tre regioni prevede multe di 400 euro. scarica il…

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha illustrato nel corso di una conferenza stampa le misure contenute in un nuovo Dpcm. Lo scopo è quello di ridurre  assembramenti e occasioni di incontro collettivo,  vista la rapidità con cui il virus si sta diffondendo. L’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in caso contrario potrebbe essere disposta la sospensione delle relative attività. Fiere e sagre locali sono sospese. Chiusura delle attività di ristorazione alle ore…

Allo scopo di contenere la diffusione del virus Covid-19 nel nostro Paese il Governo ha emanato un nuovo DPCM con il quale  vengono regolamentate o  limitate diverse attività nell’ambito sociale,  sportivo e nei servizi di ristorazione. L’attività di  bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie sarà  consentita sino alle ore 24,00 con servizio al tavolo e sino alle ore 21,00 in assenza di servizio al tavolo.  Inoltre il Dpcm  raccomanda  l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi. Le misure contenute nel  decreto firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e…

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato nuove regole di contenimento a partire dal prossimo 4 maggio, mentre già da subito riprenderanno alcune attività industriali. Gli spostamenti non saranno consentiti al di fuori della propria Regione se non motivi specifici. L’autocertificazione sarà ancora necessaria e sarà introdotta la possibilità di recarsi in visita presso il domicilio dei propri parenti. scarica il DPCM-e-allegato-del-26-aprile-2020

Ieri sera il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato un nuovo DPCM per confermare le misure di contenimento della pandemia sino al 3 maggio 2020. Il Decreto consente la riapertura di alcune attività, non essenziali come librerie, cartolibrerie e la vendita al dettaglio di prodotti di abbigliamento per bambini e neonati. scarica il pdf del DPCM 10 aprile 2020 (def)

La lettera è stata inoltrata anche ai comandanti della Polizia e dei Carabinieri Pref. Luciana Lamorgese Ministro dell’Interno Piazza del Viminale, 1 00184 ROMA Illustre Ministro, l’Associazione Bancaria Italiana, sin dall’inizio dell’emergenza, segue costantemente con prioritaria attenzione l’evoluzione della situazione relativa alla diffusione del virus Covid- 19 e promuove presso i propri associati la massima informazione circa le misure adottate dal Governo e dalle Autorità competenti affinché ne sia data attenta e tempestiva attuazione. I servizi erogati delle Banche rappresentano una infrastruttura centrale a sostegno delle imprese e delle famiglie e pertanto ne deve essere garantita la continuità, come…

Come già anticipato dal Ministro della Sanità in occasione della seduta parlamentare, ieri il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato un nuovo decreto per prolungare le misure di contenimento del coronavirus sino al 13 aprile p.v. Il Presidente del Consiglio, in conferenza stampa,  ha precisato che attualmente non ci sono le condizioni per allentare le restrizioni attuali. Successivamente, se le condizioni lo consentiranno è prevista una fase due definita di convivenza con il coronavirus e infine una fase tre  di uscita dall’emergenza. scarica il dpcm del 1 aprile 2020